A seguito della redazione del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), i progetti per il rinnovamento delle ferrovie italiane sono stati un punto di discussione focale degli ultimi anni per quanto riguarda il settore dell’Ingegneria e delle Costruzioni. Come recita il Punto 3.C1 “Missione 3: Infrastrutture per una mobilità sostenibile - Investimenti sulla rete ferroviaria”, sono stati stanziati 24,77 miliardi di euro per un totale di otto punti tra investimenti e azioni, di cui due riguardanti le Linee ad Alta Velocità del Sud Italia (passeggeri e merci) e dal Nord Italia verso l’Europa.

Ma cosa sono le linee AV e come si differenziano dalle altre?

10669139880?profile=RESIZE_710x

L'Alta Velocità (AV) è il sistema di trasporto ferroviario che mette insieme infrastrutture, mezzi, sistemi di segnalamento e telecomunicazioni - oltre che tutte le norme e le regolamentazioni tecniche e di esercizio - con il fine di fare circolare treni a una velocità superiore a quella tradizionale.

La Commissione Europea e l’Union Internationale des Chemins de fer (UIC) definiscono con il termine alta velocità quella linea ferroviaria su cui transitano treni che raggiungono o superano i 250 km/h; un treno regionale veloce raggiunge solitamente solo i 100 km/h. Nel mondo, le linee più efficienti ad AV sono sicuramente quelle giapponesi, anche se il continente europeo conta più del 60% delle linee ferroviarie di tutto il modo, vista la sua elevata densità abitativa e esigenza di spostamenti per persone e materiali. Attualmente in Italia la rete ferroviaria ad alta velocità italiana misura 1467 chilometri in esercizio, tra Nord e Centro Italia.

10669134501?profile=RESIZE_710x

Gli appalti per il sistema AV italiano sono stati oggetto di critiche. Si presume che i costi per le linee AV/AC realizzate finora in Italia siano costati di più rispetto al resto d'Europa. Questo potrebbe essere riconducibile alla conformazione montuosa del territorio, il quale dovrebbe aver comportato o un allungamento delle tratte o l’adozione di opere edili specialistiche (galleria, ponti, etc). Altri problemi potrebbero anche derivare da fattori di matrice più progettuale: l'overdesign, tendenza a progettare le infrastrutture con caratteristiche funzionali eccessive; l'overinvestment, investire in modo esagerato dove non ci sono reali necessità; l'overquality, creare un prodotto sovradimensionato a livello economico e progettuale per il contesto in cui verrà inserito.

I progetti del PNRR, come già detto, si stanno concentrando prevalentemente a Sud per migliorare la rete tradizionale, rinnovandola oppure affiancandola. Questo ridurrebbe notevolmente i tempi di collegamento tra i vari capoluoghi di regioni e centri nevralgici del territorio.

10669135094?profile=RESIZE_584x

In questo momento è già stata avviata la procedura realizzativa l’asse ferroviario Palermo-Catania–Messina per alcuni lotti, mentre per gli altri è già stata sviluppata la progettazione definitiva. Inoltre, il gennaio scorso la Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha dichiarato la conclusione, nei tempi e nelle modalità previste, di tutti i progetti di fattibilità tecnico-economica (Allegato IV della legge 108/2021, contenente le dieci opere strategiche nazionali per cui è prevista procedura di VIA).

I progetti presentati sono stati cinque, per un valore complessivo di 4,3 miliardi di euro:

  1. Il raddoppio della galleria Santomarco (tratta Cosenza-Paola della “AV/AC Salerno-Reggio Calabria”)
  2. l’Alta velocità/Alta capacità Salerno-Reggio Calabria (Lotto 1 - Battipaglia-Praja, compresa Interconnessione Bretella per Potenza, e Sublotto 1° - Battipaglia-Romagnano);
  3. il potenziamento Orte-Falconara” (Lotto 2 - Genga-Serra San Quirico);
  4. il raddoppio della Roma-Pescara (Lotto 1 - Raddoppio Manoppello Interporto d’Abruzzo, Lotto 2 - Raddoppio Scafa–Manoppello);
  5. il potenziamento delle linee di accesso al Brennero (Lotto 3°-Circonvallazione di Trento)

Sicuramente, l’uso delle linee ad Alta Velocità incentiva la popolazione all’utilizzo dei mezzi pubblici e dunque all’abbandono dell’automobile, riducendo così le emissioni di CO2. Questo in linea teorica, poiché sembrerebbe che in Italia sia complesso optare per una soluzione più ecosostenibile, considerando che spesso avvengono anche dei disagi nel servizio. Nonostante questo, il numero di persone che scelgono il treno per muoversi sul terreno nazionale è in costante aumento, di quasi il 60% dal 2004 al 2017 secondo dati Istat.

Il rinnovo della rete ferroviaria della nostra penisola, però, non è solo un modo per ridurre le emissioni, creare connessioni e incrementare l’economia nazionale, ma è il primo passo per ridurre il divario sociale che è presente tra Nord e Sud. Questi progetti riescono a collegare tutto il territorio (esclusa la Sardegna, le cui prospettive di rinnovo sono ancora vaghe e precarie) e forse apriranno la strada anche a nuove opportunità di sviluppo e impiego per la popolazione.

 

Fonti

PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (documento ufficila) https://www.governo.it/sites/governo.it/files/PNRR.pdf

TrainLine - Alta velocità in Italia e in Europa https://www.thetrainline.com/it/treni/alta-velocita

Il Bo Live. Università degli Studi di Padova - Dieci anni di alta velocità, tra luci e ombre https://ilbolive.unipd.it/index.php/it/news/dieci-anni-alta-velocita-luci-ombre

EdilPortale - Ferrovie, Legambiente: la mobilità al Sud sia la priorità del Green Deal https://www.edilportale.com/news/2020/02/lavori-pubblici/ferrovie-legambiente-la-mobilita-al-sud-sia-la-priorita-del-green-deal_74728_11.html

MIT. Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili - Pnrr: completata la progettazione delle principali opere ferroviarie finanziate per 4,3 miliardi di euro https://www.mit.gov.it/comunicazione/news/pnrr-completata-la-progettazione-delle-principali-opere-ferroviarie-finanziate

Italferr. Gruppo ferrovie dello Stato italiane - Alta Velocità - Alta Capacità https://www.italferr.it/content/italferr/it/progetti-e-studi/italia/alta-velocita---alta-capacita.html

 

Immagini

Grayscale Photography of Woman Standing Inside Train di Jan Kroon (Pexels)

Grafiche informative, Ferrovie dello Stato (https://www.fsitaliane.it/)

Grafica informativa, il Sole 24 Ore con dati di Ferrovie dello Stato (https://www.fsitaliane.it/)

E-mail me when people leave their comments –

You need to be a member of CollEngWorld to add comments!

Join CollEngWorld