L’estate 2022 è iniziata con un tema che ha spopolato sul web, sui social e nelle chat di gruppo di moltissimi amici amanti della tecnologia: la creazione di immagini da parte di intelligenze artificiali. Personaggi immersi in scenari apocalittici, celebrità del cinema con dei visi leggermente modificati, mondi fantastici, persino gatti su costruzioni metaboliste giapponesi ma in stile catalano gaudiano. Se non avete visto nessuna immagine di questo tipo o non avete mai sentito parlare di questo fenomeno, probabilmente avete vissuto gli ultimi mesi in una caverna!

Ma di cosa si tratta nello specifico?

10896726059?profile=RESIZE_710x

Prima di tutto è utile partire dal concetto di Intelligenza Artificiale (Artificial Intelligence): con questa definizione si intende tutta la disciplina che studia il modo in cui realizzare sistemi informatici intelligenti che simulino le capacità e il comportamento del pensiero umano. Come affermò Marco Somalvico, ingegnere del secolo scorso specializzato nel settore, “l'intelligenza artificiale è una disciplina appartenente all'informatica che studia i fondamenti teorici, le metodologie e le tecniche che consentono la progettazione di sistemi hardware e sistemi di programmi software capaci di fornire all'elaboratore elettronico prestazioni che, a un osservatore comune, sembrerebbero essere di pertinenza esclusiva dell’intelligenza umana”.

Ora cercheremo di spiegare in modo sintetico come funziona il processo di creazione di immagini. Si tratta di sistemi basati su reti generative avversarie o GAN (Generative Adversarial Networks), in cui due reti neurali, una detta Generatore e l’altra Discriminatore, lavorano per contrapposizione, al fine di creare realtà che scaturiscono dall’esclusione di immagini preesistenti e dalla produzione di immagini sintetiche originali che sembrano create da un umano. La maggior parte dei sistemi text to image utilizzano il metodo diffusion model, in cui la AI sono in grado di comprendere delle frasi complesse, non semplici parole chiave.

I sistemi di OpenAI - quindi fruibili da un utente non formato – possono essere divisi in due categorie: quelli meno sofisticati, ma facilmente accessibili (Dream, StarryAI, Craiyon) e quelli più sofisticati, ma ad accesso limitato (DALL-E 2, Imagen, Parti, Midjourney). Il gruppo di CollEngWorld ha provato ad utilizzarne due: MidJourney e Dall-E.

Il primo è ancora in fase di beta e si appoggia ai server di Discord, perché la generazione degli output avviene attraverso un bot. La creazione dell’immagine avviene attraverso l’inserimento del comando di base /imagine seguito dalla descrizione in inglese di quello che si vuole realizzare. Inoltre, si possono aggiungere anche dei parametri come dimensioni, stile, qualità, etc. In pochi secondi vengono create quattro immagini numerate, le quali possono essere a loro volta modificate (variation) o migliorate (upscale). Il secondo si basa sullo stesso principio. Il nome nasce da un gioco di parole tra Salvador Dalí e il personaggio della Pixar WALL-E. Come Midjourney, si tratta di una OpenAI che si basa sull’inserimento di parole, la quale è in grado di comprendere la relazione tra gli oggetti riproducendo perfettamente la scena in modo estremamente realistico.

Ma tutto questo come può essere utile nel campo della progettazione?

Come progettisti siamo chiamati quotidianamente a creare, trovare soluzioni e inseguire la scelta più originale, ma esiste sia un lato idilliaco del lavoro che uno spinoso. È giusto essere sinceri ed affermare che a volte si possa essere carenti di idee e si possono trovare difficoltà nella ricerca della soluzione più accattivante. È bene premettere che un progetto non può basarsi solo sul concetto di “bello, gradevole, attraente” ma su parametri quali contesto, necessità, conformazione e tante altre. Una volta stabiliti questi, perché non testare le diverse soluzioni stilistiche tramite una AI? E perché non utilizzare le immagini create come suggestioni da fornire al cliente in una fase preliminare?

Vi facciamo vedere come può funzionare Dall-E. Inseriamo la frase: an Impressionist paint of house in the forest, brutalism style, concrete, narrow windows, morning light, a lake, high quality. Dopo che l’AI ci fornisce quattro opzioni differenti decidiamo di approfondire la seconda immagine.

10896726264?profile=RESIZE_710x

Immagini per la prima query

10896739460?profile=RESIZE_710x

Immagini di approfondimento

Ed ecco alcune delle opzioni che l’AI ci fornisce. Si potrebbe continuare all’infinito creando variazioni e migliorando la qualità.

La domanda che però è sorta spontanea è solo una, una volta sperimentato il processo di creazione: a chi appartiene l’immagine prodotta e a chi è imputabile la proprietà intellettuale?

Gli OpenAI per creare delle immagini utilizzano, sommano e rielaborano porzioni di oggetti esistenti nel web, quindi creati da esseri umani nel mondo reale (fotografi, illustratori, pittori, etc.). Nonostante le infinite rielaborazioni, il dibattito è aperto: il diritto d’autore si annulla o si moltiplica esponenzialmente? Getty Image, ad esempio, l’agenzia fotografica di fama mondiale, ha una posizione estremamente chiara a riguardo la mancanza di legalità nel rispetto del copyright ed ha annunciato che vieterà il caricamento e la vendita di immagini generate da software OpenAI.

Vi lasciamo qui ulteriori fonti per approfondire il tema estremamente controverso.

Secondo voi, per considerarsi dei progettisti integri è sbagliato fare ausilio di questi strumenti? La progettazione è una sommatoria di proprie idee ma anche di riferimenti esterni? Utilizzare una sommatoria di immagini altrui per creare suggestioni utili al progetto, non è forse come utilizzare un dettaglio di un altro progetto non proprio?

Cosa ne pensate?

 

Fonti

La Repubblica. Come si fa a creare immagini con l’intelligenza artificiale (senza essere artisti) https://www.repubblica.it/tecnologia/2022/09/21/news/come_si_fa_a_creare_immagini_con_lintelligenza_artificiale_senza_essere_artisti-364446760/

Wired - Una nuova intelligenza artificiale che crea immagini horror ed erotiche https://www.wired.it/article/intelligenza-artificale-stable-diffusion-generatore-immagini-horror-erotiche/  

Tech4Future - Generative AI, dalla creazione di immagini alle applicazioni di robotica https://tech4future.info/generative-ai-creazione-immagini/

Mashable Italia - Scrivi cosa vuoi, l'intelligenza artificiale lo disegna https://it.mashable.com/7570/immagini-da-testo-intelligenza-artificiale-imagen-dalle-2

Vincos Blog - Creare immagini da un testo con l’Intelligenza Artificiale https://vincos.it/2022/07/09/creare-immagini-da-un-testo-con-lintelligenza-artificiale/

Everyeye – Questa immagine ha vinto un concorso d'arte, ma l'ha creata Midjourney https://tech.everyeye.it/notizie/immagine-vinto-concorso-arte-creata-modjourney-606467.html

Il Post- A chi appartengono le immagini generate dalle intelligenze artificiali? https://www.ilpost.it/2022/09/22/copyright-immagini-intelligenza-artificiale/

 

Immagini

An abstract painting of a skyscraper city at the sunset, on a lake, seagulls, high quality, utente nervina AI (Dall-E)

Tecnolav Engineering

You need to be a member of CollEngWorld to add comments!

Join CollEngWorld